Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Giovanni Coletti apre le porte di Casa Sebastiano per il capitano

Pubblicato in For No Profit il Martedì 25 Ottobre 2016, 17:05

Lo straordinario sogno della Fondazione Trentina per l'Autismo diventerà realtà operativa nel 2017

Il 25 ottobre 2014 Toto Forray, insieme ad altri compagni della Dolomiti Energia Trentino, era salito a Coredo in Val di Non per celebrare la posa della prima pietra di Casa Sebastiano. Il grande progetto della Fondazione Trentina per l’Autismo è una struttura destinata alla residenzialità, alla riabilitazione e al trattamento sociale e sanitario delle persone affette da Autismo: inoltre, il centro fungerà anche da polo di ricerca all’avanguardia nello studio della malattia. Da allora il capitano bianconero è passato da Coredo più volte per ammirare l’avanzamento dei lavori della struttura e per salutare Giovanni Coletti, presidente e anima innovativa della Fondazione Trentina per l’Autismo.

L’ultima è stata proprio lunedì 24 ottobre, quando Toto Forray ha potuto constatare che oramai ci siamo: infatti, i lavori sono ormai quasi terminati e nel 2017 potrà iniziare l’attività di Casa Sebastiano: “In questi anni ho visto i progressi che in modo incredibilmente veloce sono stati fatti. Sono passati solo due anni e tutta quanta la struttura, curata nel dettaglio, è praticamente pronta. Ora manca pochissimo e io non vedo l’ora che Casa Sebastiano sia operativa perché è una cosa pazzesca”: Toto Forray è stato davvero colpito dalla serie di progetti che la Fondazione Trentina per l’Autismo ha intenzione di sviluppare su Casa Sebastiano e anche intorno alla Casa: infatti, Giovanni Coletti non si ferma e ha in mente tante idee innovative per raggiungere quell’obiettivo che è fissato nello slogan della Fondazione: “Un mondo migliore per l’autismo: insieme si può!”.

La Fondazione sarà presente al PalaTrento domenica 30 ottobre nello spazio no profit in occasione del big match contro Reggio Emilia: e la Dolomiti Energia Trentino, attraverso le attività del proprio progetto per il no profit, è pronta a fare la propria parte per sostenere l’attività di Casa Sebastiano. Infatti, il grande investimento della Fondazione non si ferma ai muri e alle strutture. C’è molto spazio a Casa Sebastiano, tutto da riempire di attività e progetti per la riabilitazione e il trattamento sociale e sanitario delle persone affette da Autismo.