Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Gara 2, la ricetta di Shields: "Ripartiamo dalla difesa"

Pubblicato in Lega Basket il Domenica 11 Giugno 2017, 15:44

L'esterno bianconero, sabato autore di 18 punti, presenta il secondo atto della Finale Scudetto in programma lunedì sera al Taliercio: "Venezia farà degli aggiustamenti, ma noi dobbiamo imporre il nostro gioco"

Rimasta a Mestre dopo il successo ottenuto sabato sera per 74-83 nel primo atto della Finale Scudetto contro Venezia, la Dolomiti Energia si è già messa al lavoro oggi per preparare al meglio Gara 2, in programma lunedì sera alle 20.45 in un Taliercio ancora una volta esaurito in ogni ordine di posto. In mattinata i giocatori bianconeri si sono dedicati a massaggi e riposo, mentre nel tardo pomeriggio, dopo una approfondita sessione video coordinata da coach Maurizio Buscaglia e dai suoi assistenti Vincenzo Cavazzana e Davide Dusmet, è in programma una seduta defaticante nel palazzo dello sport lagunare con una prima parte di allungamento guidata dal preparatore fisico Christian Verona, seguita da lavoro individuale e tiro. A dispetto della botta rimediata al gomito durante il secondo quarto di Gara 1, ha lavorato con il gruppo senza problemi di sorta anche Luca Lechthaler, che sarà quindi a completa disposizione di Maurizio Buscaglia anche per Gara 2. Unico cambiamento nel roster aquilotto in vista del secondo atto della serie, quindi, il ritorno a referto di Andrea Bernardi, cui farà posto il giovanissimo Luca Conti, partito alla volta di Udine dove da questa sera sarà impegnato con l'U18 trentina nelle Finali Nazionali di categoria che il team allenato da Alessio Marchini inizierà, ironia della sorte, affrontando proprio la Reyer Venezia. 

ARBITRI E MEDIA Gara due della FInale Scudetto sarà arbitrata da Saverio Lanzarini, Carmelo Lo Guzzo e Alessandro Martolini, e sarà trasmessa in diretta da Rai Sport HD, Sky Sport Mix e Sky Sport 1 HD, con differita regionale martedì sera alle 23 su Trentino Tv. Radio Dolomiti racconterà invece in diretta la gara dalla prospettiva dei tifosi bianconeri, che si ritroveranno lunedì sera presso la Club House Aquila Basket, dove la trasmissione del match su maxischermo sarà preceduta e seguita da un vero e proprio evento dedicato ai fan aquilotti. Aggiornamenti social, report, fotografie e video saranno consultabili sui profili ufficiali del club bianconero, mentre statistiche e play by play saranno disponibili su www.legabasket.it. 

SHAVON SHIELDS (Guardia-Ala DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): "Mi avevano preannunciato che per questa Gara 1 sul campo di Venezia avremmo trovato grande calore, non solo da parte del pubblico ma anche in termini di temperatura. Devo dire che però che il caldo che c'era ieri mi ha davvero sorpreso, soprattutto per quanto concerne la temperatura che ha reso tutto più complicato: il nostro staff però è stato bravissimo a metterci nelle condizioni di risentire il meno possibile di questa situazione. Parlando di basket, credo che avessimo preparato molto bene questo incontro e questo si è visto poi sul campo, dove siamo riusciti a disputare davvero una buona partita. In questo senso ritengo che le prestazioni di Beto e Sutton siano state fondamentali, perché è grazie a quanto loro sono stati capaci di fare a inizio gara che abbiamo trovato subito ritmo e fiducia per esprimerci come sappiamo sui due lati del campo. In difesa abbiamo fatto un lavoro eccellente sul loro tiro da tre punti, era uno dei nostri obiettivi in vista di questa partita, e il resto in attacco lo ha messo uno straordinario collettivo, che ogni volta riesce a trovare protagonisti diversi anche all'interno dello stesso match. La chiave di Gara 2? Credo che Venezia farà degli aggiustamenti al proprio piano partita, ma sarà fondamentale per noi rimettere in campo l'energia e l'attenzione difensiva di cui siamo stati capaci sabato, continuando a limitare le loro percentuali da tre punti. La tensione? Sia personalmente, che a livello di squadra, stiamo provando ad affrontare queste partite senza pensare troppo a cosa significano. Fermarsi a farlo rischierebbe di caricare di troppa pressione qualcosa che nella nostra testa deve restare, nei limiti del possibile, una partita di pallacanestro uguale a tutte quelle che abbiamo affrontato sin qui".