Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Aquila Player Profile | Blackmon

Pubblicato in Dolomiti Energia Trentino il Lunedì 12 Agosto 2019, 18:30

 


Chi è | James Blackmon Jr. 

Guardia. Realizzatore. Talento. 

Da Indiana University a Trento, passando per Pesaro. James Blackmon Jr., 193 centimetri per 91 chili, è un giocatore che ha sempre fatto della sua capacità di mettere punti a tabellone una delle sue principali doti. Ma è anche un 24enne con tanti sogni nel cassetto e con tanta voglia di crescere. 

"Sono in costante sfida, con me stesso e con gli altri", dice di sé la nuova guardia della Dolomiti Energia. "Ho scelto il numero 1 perché il mio obiettivo è sempre quello di essere il migliore in quello che faccio. So che in molti guardano solo alle mie statistiche e alla mia capacità di fare canestro, ma la mia vera sfida ora è dimostrare a tutti e a me stesso di poter fare la differenza anche nella metà campo difensiva"

Nasce a Chicago, una delle patrie della pallacanestro USA, il 25 aprile 1995. Perché il "Junior" nel nome? Perché ha lo stesso nome di suo padre, James Blackmon Senior, spettacolare talento nei suoi quattri anni a Kentucky negli anni '80 e draftato nel 1987 in NBA, dove però non riuscirà a debuttare. Oggi è allenatore a Marion, città dell'Indiana "casa" della famiglia Blackmon. 

"Mio padre è il giocatore a cui mi sono ispirato di più, crescendo", racconta James. "Guardavo le sue partite, l'ho avuto anche come allenatore negli anni del liceo. Era come me un esterno, un playmaker che sapeva segnare e anche far girare le sue squadre. Per certi versi è sempre stato il mio mito. Oggi i giocatori che guardo più volentieri sono Damian Lillard e Cj McCollum".

Proprio a Indiana University comincia a brillare la stella della nuova guardia bianconera: dopo aver fatto alzare le sopracciglia di tanti osservatori e addetti ai lavori già nei suoi anni di high-school, in tre stagioni di college James Blackmon Jr. segna 1.235 punti (più di 16 di media) tirando con oltre il 41% dall'arco dei tre punti. 

Dopo una stagione in D-League, l'approdo in Serie A, sponda VL Pesaro

Sì, l'anno scorso ha fatto parecchi canestri

I suoi 19.8 punti di media alla prima stagione da "pro" in Europa gli valgono il secondo posto nella classifica dei realizzatori nel massimo campionato nazionale: "La stagione a Pesaro mi ha insegnato molto: poter giocare l'EuroCup a Trento mi dà ancora più stimoli per crescere, confrontarmi con le big continentali sarà affascinante. Servirà il contributo di tutti per riuscire ad avere una stagione vincente". 


I numeri 

1 - Il suo numero di maglia. Durante l'high school, al college, a Pesaro. E ora con i colori bianconeri della Dolomiti Energia Trentino. 

74 - Le triple realizzate in 30 partite di Serie A nella stagione 2018-19


Perché vi piacerà 

James Blackmon è qualità, capacità realizzative, ball-handling e canestri. 

Ma è anche un atleta di altissimo livello e uno che non si tira indietro di un centimetro, in campo e in palestra: la cura del dettaglio, la voglia di fare sempre meglio, la professionalità del cercare ogni giorno il proprio limite sono tutti concetti che rientrano perfettamente nella #DieHardMentality di un club che non esprime i suoi valori sportivi solamente sul parquet. 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Someone is getting ready! ️‍️ #DieHardMentality

A post shared by Aquila Basket Trento (@aquilabaskettrento) on

Ecco come ha passato l'estate il nostro nuovo numero 1

Insomma, Blackmon si candida ad essere un giocatore chiave della nuova stagione dell'Aquila: ogni allenamento e ogni amichevole in preseason saranno importanti per inserirlo al meglio nel contesto di gioco che coach Nicola Brienza, assieme al suo staff, costruirà passo dopo passo. 

"Sono stato fin da subito affascinato e colpito dalla mentalità identitaria di Trento: il non mollare mai, il dare tutto su ogni pallone, la voglia di vincere e di competere che trasmettono i giocatori e il club. La #DieHardMentality passa da giocatori intensi come Aaron Craft e Toto Forray, ma si percepisce come cultura di tutta la squadra: è un modo di vivere la pallacanestro e la competizione che voglio abbracciare, ed è uno degli aspetti che mi ha convinto a scegliere l'Aquila come squadra in cui giocare il quest'anno". 

Parola di James Blackmon Jr.