Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

A Rovereto Dolomiti Energia sconfitta in volata dal Bayern

Pubblicato in Lega Basket il Sabato 26 Agosto 2017, 20:45

Nel primo test amichevole della stagione i bianconeri arrivano anche a +12, ma nel finale la spuntano i bavaresi. Lechthaler: "Buoni segnali dalla squadra, abbiamo messo in campo tanta energia"

È del Bayern Monaco il terzo Trofeo Trentino Alto Adige: la squadra tedesca allenata da coach Bjedov si è imposta sulla Dolomiti Energia Trentino per 71-74 nel primo test amichevole dell’estate dei bianconeri, rimasti avanti nel punteggio per buona parte del match. 

Nel torneo organizzato dalla Fip regionale in collaborazione con Trentino Marketing, Apt Madonna di Campiglio, Pinzolo e Val Rendena e Garda Trentino, i circa 800 spettatori presenti al PalaMarchetti di Rovereto hanno avuto un assaggio della prossima EuroCup, in un incontro che pur arrivando molto presto nel percorso di preparazione delle due squadre ha regalato momenti di grande spettacolo e un finale punto a punto molto combattuto. I tifosi trentini hanno anche potuto assistere ai primi canestri in bianconero di un ispirato Chane Behanan (miglio realizzatore del match con 14 punti) e di Yannick Franke (6 a referto), oltre che rivedere in azione tanti dei protagonisti della scorsa stagione. 

La cronaca del match. L’avvio è tutto firmato Chane Behanan (6 punti nei primi 5’), che con una schiacciata e con un bel tiro dalla media tiene a contatto i bianconeri dopo l’inizio lanciato del Bayern (8-8): il primo allungo della Dolomiti Energia arriva con l’ingresso in campo dell’altro volto nuovo Yannick Franke (assist per Gomes e tripla dalla punta) e da quello di Shavon Shields, che contribuisce ad alzare il livello di intensità della difesa trentina. Nel finale del primo parziale sono i canestri di Diego Flaccadori a firmare il +8 al termine dei primi 10’ (25-17): il Bayern reagisce con un pressing a tutto campo che blocca l’attacco bianconero e costringe al timeout coach Buscaglia, ma i bavaresi dopo essere arrivati a -5 si allontanano di nuovo nel punteggio sotto i colpi di capitan Forray e del classe 2000 Luca Conti.

Il 42-34 dell’intervallo lungo è un vantaggio che si dilata con i punti di Shields da sotto, poi con una detonante schiacciata in contropiede di Behanan ben assistito da Flaccadori che vale il +12 (56-44). La fisicità di Redding e Zirbes però diventa un fattore nella rimonta dei biancorossi, che nonostante un fallo tecnico a Redding si riportano a -6 in chiusura di terzo quarto (59-53) ed impattano a quota 59 a 6’ dalla fine con una tripla di Hobbs. Nel finale punto a punto a spuntarla è il Bayern, che trova con Dedovic i punti che valgono il 71-74 finale. A fine match a Luca Lechthaler è stato consegnato il premio fair play. 

 

Dolomiti Energia Trentino - Bayern Monaco 71-74

(25-17, 42-34; 59-53)

Dolomiti Energia Trentino: Franke 6 (1/5, 1/3), Czumbel M., Diallo 2 (1/1, 0/1), Di Prampero 4 (1/1), Forray 8 /2/6, 1/3), Conti 2 (1/1), Flaccadori 11 (3/5, 1/6), Czumbel E., Gomes 3 (1/5, 0/3), Pierich (0/3 da tre), Behanan 14 (5/10, 0/1), Lechthaler 9 (1/2), Shields 12 (4/4). All. Buscaglia. 

Bayern Monaco: Jebens ne, Hobbs 10 (2/6 da 3), Beyschlag 2 (0/1 da 3), King 6 (3/4, 0/3), Weidemann ne, Gegic, Maraker, Dedovic 7 (1/5, 1/5), Redding 9 (1/6, 1/4), Gavel 12 (4/9, 1/2), Ogunsipe 8 (4/4, 0/2), Booker 11 (4/5), Zirbes 9 (3/3), Jallow 0 (0/2, 0/3). All. Bjedov. 

Arbitri: Begnis, Ranaudo, Borgo. 

LUCA LECHTHALER (Centro DOLOMITI ENERGIA TRENTINO):Le sensazioni di questi primi giorni sono molto positive: siamo arrivati a scaglioni, quindi avevamo pochissimi allenamenti assieme. Però poi oggi, una volta in campo, abbiamo messo tutti la giusta energia e questo ci ha permesso di poter lavorare sulle parti più tecniche con maggiore facilità. Ora pensiamo a crescere giorno dopo giorno mantenendo e rafforzando la nostra identità di gioco e la nostra mentalità, la vera arma in più che abbiamo avuto negli ultimi anni. La sfida con il Bayern? Importante anche per abituarci ad affrontare squadre non italiane, il gioco europeo è diverso e dobbiamo sfruttare ogni occasione per migliorarci e per alzare l’asticella delle nostre prestazioni”.