Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

“Milano, un banco di prova da affrontare con grinta e desiderio”

Pubblicato in Lega Basket il Venerdì 16 Marzo 2018, 16:19

Coach Maurizio Buscaglia e capitan Toto Forray proiettati alla dura sfida di domani sera contro l'EA7: “Servirà una grande prestazione di squadra per potercela giocare, ma siamo in buona forma e venderemo cara la pelle”

Al PalaDesio domani sera (palla a due ore 18.00, diretta Eurosport 2 e Eurosport Player) i bianconeri sfidano i 27 volte campioni d’Italia dell’EA7 Emporio Armani Milano: una partita importante fra due squadre che arrivano entrambe da 4 successi consecutivi in campionato.


 

MAURIZIO BUSCAGLIA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): Prima di tutto voglio fare le congratulazioni a Davide Dusmet e a Federica e dare un benvenuto alla piccola Greta, che è nata giovedì mattina. Una grande gioia per tutta la squadra. Per quanto riguarda il match di domani sera, non è difficile presentarlo: giochiamo contro quella che, nonostante il grande equilibrio, rimane la favorita numero uno in Serie A. Contro una formazione così completa dobbiamo giocare al nostro meglio ma essere noi stessi, non mollare un centimetro perché questi sono forti, e poi ricordarsi che questo non è che un altro passo nel cammino che ci accompagna verso la parte conclusiva della regular season. Ho già avuto modo di sottolineare quanto sia importante questo mese di marzo nel quadro dell’intera stagione. Milano ha un roster di primissima fascia, ha esperienza, fisicità, talento e sta attraversando un momento positivo. Noi stiamo bene, lo abbiamo dimostrato in queste prime partite dopo la pausa. Desio è un campo che non ci ha mai portato molta fortuna, ma proveremo ad invertire la tendenza. Insomma, domani ci aspetta un bel banco di prova ma lo affrontiamo con grinta e desiderio”.


 

TOTO FORRAY (Playmaker e Capitano DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): Gli esterni della EA7 sono tutti fortissimi: servirà un grande lavoro di squadra per limitarli e per provare a giocarcela, perché i giocatori di Milano sono davvero bravi a creare occasioni per sé e per i compagni, e hanno un livello di talento e di esecuzione altissimo. Le nostre vittorie contro le scarpette rosse in passato? Siamo molto concentrati sul momento e sul presente, ma da quando siamo in A Milano è sempre stata la squadra da battere e quando giochi contro di loro è normale che le motivazioni siano al massimo”.