Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Coredo: Aquila Basket raccontata da Coletti, Melinda e le valli del Noce

Pubblicato in Trust Aquila il Giovedì 13 Aprile 2017, 15:46

Partita la serie di incontri "Trust, una comunità che fa squadra": prossimi appuntamenti a S. Massenza, Rovereto e Cavalese

Una serata per presentare il progetto Aquila Basket alle Valli Di Non e Sole, valorizzando le esperienze e il racconto di associazioni, aziende, docenti o rappresentanti delle istituzioni che nel corso degli anni hanno creato e consolidato il proprio rapporto con il club bianconero. Si è svolto mercoledì sera a Coredo l'evento di apertura del ciclo di incontri dal titolo "Trust, una comunità che fa squadra", organizzato dall'associazione dei tifosi titolare del 40% dell'azionariato bianconero presso Casa Sebastiano, il nuovo centro specialistico per i disturbi dello spettro autistico inaugurato la scorsa settimana dalla Fondazione Trentina per l'Autismo.

A fare gli onori di casa Giovanni Coletti, presidente della Fondazione che da anni aderisce al progetto No Profit della Dolomiti Energia, che ha parlato di come il rapporto con Aquila Basket sia cresciuto con il tempo, in modo quasi naturale, oltre ogni aspettativa. Paolo Gerevini e Andrea Fedrizzi, direttore generale e direttore marketing di Melinda, hanno invece illustrato il legame tra la società aquilotta e le aziende sponsor o consorziate, soffermandosi non solo sulla dimensione imprenditoriale del rapporto ma anche sulla capacità di creare relazioni propria del progetto di Aquila Basket. Luca Branz, direttore del CFP Ossana, e Matteo Podetti, vicesindaco di Commezzadura, hanno approfondito l'importanza dell'aspetto educativo della vision aquilotta.

Dopo che il capitano della Dolomiti Energia Toto Forray ha spiegato quanto il legame del territorio sia importante per l'inserimento, la motivazione e l'integrazione dei giocatori, al presidente del club Luigi Longhi è toccato trarre le conclusioni della chiacchierata ricordando come il Trust possa essere lo strumento attraverso cui sostenitori, appassionati o semplici amici della società possono sostenere il progetto bianconero (strutturato non solo sull'attività di una società di serie A ma anche su attenzione al sociale, attività giovanile, progetti nelle scuole, presenza sul territorio e una governance innovativa) attraverso il pagamento di una quota di iscrizione di 50 euro.   

Nelle prossime settimane il tour per presentare il Trust Aquila sarà giovedì 27 aprile alle ore 20.30 a Casa di Giano, Santa Massenza, martedì 2 maggio a Rovereto, lunedì 8 a Cavalese e mercoledì 10 maggio a Mezzolombardo.