Stats Corner | Mezza, Dada e i punti per possesso

Pubblicato in Stats Corner il Venerdì 19 Giugno 2020, 11:00

La Dolomiti Energia Trentino ha messo due giocatori nei migliori dieci di tutta la Serie A 2019-20 per efficienza offensiva, Andrea Mezzanotte e Davide Pascolo (fresco di rinnovo triennale). Due giocatori, che giocando un volume di possessi simile, hanno prodotto quasi 1.2 punti per ogni pallone giocato. 

Cosa sono i punti per possesso? 

Uno dei mezzi più semplici e versatili per valutare l'efficacia di un giocatore nella propria metà campo offensiva: in sostanza, è il semplice rapporto fra i punti realizzati e il numero di possessi chiusi con un tiro, una palla persa o un viaggio in lunetta per un fallo subito in azione di tiro. 

E' una statistica particolarmente tenuta in considerazione per valutare il livello offensivo di una squadra, di un determinato quintetto o di un giocatore al di là del ritmo e della velocità di gioco imposto alle partite.

Per quanto riguarda la Serie A italiana nel 2019-20, parlando di squadre i valori oscillavano fra l'ottimo 1.022 di Sassari, il miglior attacco del campionato, e lo 0.877 di Pesaro, fanalino di coda: ottavo posto con 0.947 punti per possesso per la Dolomiti Energia.

Insomma, sopra al punto per possesso siamo sul terreno dei migliori: Andrea Mezzanotte e Davide Pascolo non hanno giocato volumi di possessi importanti, ma hanno saputo valorizzarli al meglio. Mezza fra i giocatori con almeno 4 possessi a partita è stato il quinto miglior giocatore del campionato, in particolare grazie alla sue efficienza nel tiro da fuori che gli ha permesso di segnare 5,5 punti di media con 4,6 possessi a disposizione; nono posto assoluto per Dada, che invece ha chiuso la stagione con 1,12 punti per possesso.  

Pur avendo mezzi atletici simili, Mezza e Dada interpretano il ruolo dell'ala grande, il ruolo del "4", in modo molto diverso, specialmente in attacco: oltre il 60% dei possessi in mano ad Andrea nascono da situazioni di "spot up", cioè di ricezione per andare al tiro di prima intenzione spesso dall'arco dei 6.75; Pascolo invece, fin dalle sue primissime partite in maglia bianconera, ha fatto del suo fiuto della posizione e della capacità di muoversi senza palla una delle sue armi migliori: sono proprio i tagli verso canestro che permettono a Pascolo di costruirsi tante occasioni intorno al canestro avversario. 

Ogni tanto poi è capace di tirare fuori questo genere di giocate...

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

️La cosa più bella che vedrete oggi su Instagram: si consiglia volume al massimo! ️ @mcdada7

A post shared by Aquila Basket Trento (@aquilabaskettrento) on