Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Baldi Rossi "si racconta" a Repubblica.it e Gazzetta.it

Pubblicato in Rassegna il Mercoledì 1 Marzo 2017, 15:52

La storia di Filippo finisce in home page sulle pagine sportive delle due testate nazionali

Con i 26 punti segnati domenica ha eguagliato la miglior performance stagionale di un giocatore italiano in singola gara di serie A. E ha ritoccato allo stesso tempo il suo career high nella massima serie, tornando così a spiccare il volo proprio in quel PalaBigi sul cui parquet un anno fa cadde dolorante dopo aver subito la lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.

Questa nuova, bellissima puntata della giovane carriera di Filippo Baldi Rossi, 25enne ala-centro della Dolomiti Energia Trentino, non poteva che diventare una storia da copertina. Per questo sia Repubblica.it che Gazzetta.it hanno dedicato al lungo aquilotto il proprio approfondimento settimanale. 

"Devo tanto al professor Rocchi e ad Antonio Tamisari: mi hanno rimesso in piedi. E poi al club e al gm Trainotti - ha detto Filippo ad Alessandro Rossi di Gazzetta.it (leggi l'intervista completa clicckando sulla foto) -.  Mi hanno supportato in tutto questo percorso, anche nella scelta di svolgere la riabilitazione a Casalecchio, in uno dei migliori centri d'Europa. Avevo qualche proposta lo scorso giugno, Trento mi ha offerto un contratto triennale, con un ruolo importante. Ci ho messo 30" a dire sì".  

 

"Le nostre ambizioni non sono cambiate rispetto a inizio stagione - ha invece dichiarato Baldi Rossi a Giacomo Luchini di Repubblica.it (per leggere l'intervista integrale cliccka sulla foto) - . Puntiamo a raggiungere i play off confermando l'ottimo campionato disputato lo scorso anno. Ripetersi non è mai semplice, sarebbe un bel risultato. Abbiamo avuto un po' di difficoltà nel girone d'andata, ma la società ci è stata vicina e ha colmato le carenze del roster. A livello di squadra non abbiamo mai mollato e stiamo raccogliendo i frutti del duro lavoro svolto. Ora è giusto godersi il momento positivo, mantenendo però i piedi per terra".