Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Dolomiti Energia Trentino U18, da domani al via le Finali Nazionali

Pubblicato in Giovanili il Domenica 10 Giugno 2018, 16:00

A Montecatini si apre con il match contro Treviso (lunedì alle 14) l’ultimo atto della stagione della squadra giovanile trentina. Coach Marchini: «Vogliamo dare continuità alla nostra bella stagione e metterci in gioco fino in fondo»

La cerimonia di apertura di questa sera apre ufficialmente le Finali Nazionali Under 18 di Montecatini Terme: nella settimana “full immersion” toscana, i bianconeri allenati da coach Alessio Marchini, vicecampioni d’Italia in carica, proveranno ad inseguire il sogno tricolore partendo dal girone a 4 che li opporrà a Treviso (lunedì ore 14.00), Pistoia e Virtus Roma. Dopo gli spareggi fra seconde e terze classificate di giovedì, venerdì si giocheranno i quarti di finale, sabato le semifinali e domenica la finalissima. La Dolomiti Energia Trentino Under 18 è pronta alla sfida: parola di coach Marchini!


ALESSIO MARCHINI (Allenatore DOLOMITI ENERGIA UNDER 18): «A queste Finali Nazionali arrivano 16 squadre di alto livello, divise in quattro gironi impegnativi e difficili da pronosticare. Le nostre prime avversarie non fanno eccezione: Pistoia ha vinto il suo girone in Toscana, la Virtus Roma è una squadra atletica e di tradizione, Treviso la conosciamo bene perché ci abbiamo già giocato contro in stagione e sappiamo quanto possa essere pericolosa. L’obiettivo è quello di riuscire a dare continuità alla nostra ottima stagione anche in questo torneo: sono molto contento del percorso fatto finora, il gruppo è compatto, umile e maturo. L’esperienza dello scorso anno e delle Finali Under 16 giocate con questi ragazzi di sicuro male non fa: vogliamo provare sempre a vincere, fa parte dello sport, ma allo stesso tempo vogliamo farlo attraverso la crescita individuale dei nostri ragazzi e da questo punto di vista siamo molto soddisfatti del fatto che alcuni abbiano avuto la fortuna e il merito di poter fare esperienze importanti come il torneo di Mannheim con la Nazionale o allenarsi e andare a referto con la prima squadra. Al di là delle qualità dei singoli voglio sottolineare come tutti i ragazzi, dal primo all’ultimo, siano stati pronti a tanti sacrifici per questa squadra in una stagione che per tipo di sforzo e di presenza richiesta è stata simile a quella dei professionisti. Ora cerchiamo di divertirci e di goderci questo momento e questo torneo, al di là del risultato: essere qui non è scontato, siamo pronti a metterci in gioco e confrontarci con noi stessi e con i nostri avversari».