Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Buscaglia: «Girone davvero duro, ma bellissimo: daremo tutto»

Pubblicato in EuroCup il Giovedì 5 Luglio 2018, 16:00

Il coach bianconero sul girone C in cui giocherà la prima fase di EuroCup la "sua" Dolomiti Energia: «Rispecchia l'altissimo livello della competizione». Trainotti, presente a Barcellona: «Essere solidi e avere identità le chiavi per avanzare

Più è difficile, più entusiasma: la voglia di sfida della Dolomiti Energia Trentino trova nella composizione del girone C di 7Days EuroCup un'altra occasione per rinvigorirsi. Cinque avversarie di prima fascia continentale, un gruppo che dalla prima all'ultima partita regalerà spettacolo, equilibrio e tanta grande pallacanestro. Parola di coach Maurizio Buscaglia e del general manager Salvatore Trainotti (nella foto in basso intervistato da Euroleague TV a margine del sorteggio di Barcellona).  

MAURIZIO BUSCAGLIA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Siamo inseriti in un girone davvero bellissimo, che riflette in pieno l'alto livello di questa affascinante competizione: siamo entusiasti di essere in un gruppo con squadre che hanno giocato in Eurolega, squadre che ambiscono a giocarla, squadre con roster pazzeschi e grande blasone. Certo, ci aspetta un compito difficile, ma è proprio questo il bello di questo tipo di coppe europee: siamo pronti a raccogliere questa ennesima grande sfida, a rimboccarci le maniche e a lavorare al 100% per vivere una stagione europea al massimo delle nostre possibilità, anzi di più».

SALVATORE TRAINOTTI (General Manager DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Il girone C è davvero tosto e interessante, ma è per colpa o merito del livello della coppa perché anche gli altri gruppi non sono da meno. In ogni caso il nostro obiettivo sarà quello di essere solidi e consistenti e vedere fino a dove riusciremo ad arrivare. All'inizio di una competizione è giusto ed è normale essere ambiziosi, siamo in un raggruppamento con tante altre grandi squadre: dovremo mantenere identità e compattezza nella manifestazione, facendolo tre anni fa abbiamo anche raggiunto le semifinali, quindi faremo il massimo per arrivare pronti e poi vedremo quale sarà il responso del campo»