Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

One Team, protagonisti i ragazzi dell'U16 e di Anffas Trentino

Pubblicato in AquiLab il Mercoledì 30 Gennaio 2019, 19:24

Il One Team Ambassador Toto Forray in squadra con i ragazzi del One Team

 

Ha preso il via l’attività della Dolomiti Energia Trentino legata al “One Team”, il progetto di responsabilità sociale sviluppato nel 2012 da Euroleague Basketball, con l’obiettivo di trasmettere valori positivi nei contesti di esclusione sociale, usando il potere della pallacanestro per mettere in relazione le comunità.

Partner dell’iniziativa di quest’anno del club bianconero è ANFFAS Trentino, una delle quindici associazioni di Dolomiti Energia for no profit: il “One Team” di quest’anno sarà formato da ragazzi e ragazze con disabilità del “CentrAvanti” del Paese di Oz di ANFFAS e i giocatori della squadra U16 del settore giovanile della Dolomiti Energia Trentino. A guidare il gruppo, oltre al One Team Manager Massimo Komatz, sono i due One Team Coach Nenad Jakovljievic e Claudio Venco, che nella giornata di lunedì hanno guidato il terzo allenamento del gruppo: la palla a spicchi è subito diventato lo strumento più importante per creare relazione tra i partecipanti e abbattere ogni barriera.

Il progetto One Team 2019 vedrà il gruppo protagonista sia in palestra che alla BLM Group Arena, dove collaborerà con lo staff bianconero nella gestione di alcuni momenti dell’evento partita di serie A.

 

 

Ad allenarsi con i ragazzi e le ragazze del One Team ci sarà anche Toto Forray, il playmaker e capitano bianconero, al suo terzo anno come One Team Ambassador, che lunedì, nel suo giorno di riposo, si è allenato insieme ai ragazzi del One Team. “Sono molto contento di poter far parte del One Team anche quest’anno: l’amore per il gioco della pallacanestro rende me e i miei compagni una squadra. E così succede anche nel One Team, dove grazie alla pallacanestro tante persone che non si conoscevano diventano una squadra vera, imparando a rispettarsi a vicenda e ad aiutarsi per essere una squadra migliore”.